0835344057 - 3286113454 - 3271470440 info@museolaboratorio.it

Sala da barba

Il barbiere, in passato, era un tuttofare.

Si occupava della rasatura e della vestizione dei morti; effettuava salassi (per mezzo delle sanguisughe), impacchi, iniezioni; indicava rimedi contro il mal di gola, di pancia, di orecchi; cavava i denti.

La sua vera attività gli consentiva uno scarso guadagno che egli arrotondava sostituendo figure sociali inesistenti o troppo costose: in ciò trovava equivalenti nel fabbro-maniscalco (era anche veterinario) e nel sellaio (spesso si sostituiva al sarto).

Buon intrattenitore, allegro, spregiudicato ed accomodante: una vera banca dati delle cronache del paese (pettegolezzi, scandali, infedeltà coniugali) che, durante le narrazioni venivano progressivamente ingigantite e distorte.

Tra una prestazione e l'altra suonava la chitarra o, più spesso, il mandolino.

Amante di balli e tavolate, galante e borioso, amico di tutti e di nessuno: se, per caso, risultava anche piacente, il numero delle donne amate superava di gran lunga quello dei tagli di barba eseguiti nell'accogliente 'salone'.

Mappa

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33