^

La stanza del Prete

‘Non desiderare la roba d’altri’.

Con questo comandamento la Chiesa accusava di invidia sociale chi desiderava le proprietà altrui e consolava gli umili e i poveri, ricordando che a loro era riservato il Regno dei Cieli (vedi il ‘Discorso della Montagna’).

La Chiesa, che si dichiara sempre protettrice degli umili e degli oppressi, è sempre stata concretamente schierata dalla parte dei ricchi e dei potenti.

Uscita dalle catacombe, ben presto aveva abbandonato il comunismo dei primi cristiani che erano poveri e schiavi ed era diventata essa stessa latifondista, riciclandosi a favore dei potenti con una sistematica politica trasformista.

Nel corso dei secoli si è sempre espressa contro la divisione dei latifondi e la riforma agraria che, in Italia, è stata attuata solo nel 1950.

Articoli del blog correlati

L‘idea che la morte svolgesse una funzione livellatrice veniva respinta nel vecchio sistema di vita in cui fra i privilegiati e l’umanità ad essi sottoposta intercorrevano unicamente legami di dipendenza e di servitù. La Chiesa assecondava tale polarizzazione sociale affidando al suono di differenti campane l’annuncio del decesso di un aristocratico o di un popolano: […]
In passato, il fidanzamento costituiva il preludio alla realizzazione della propria indipendenza dalla famiglia di origine. La scelta matrimoniale, però, non dipendeva dalla volontà dei contraenti, per motivi diversi, a seconda della classe sociale di appartenenza. I “signori” imponevano ai propri figli i “partiti” più vantaggiosi dal punto di vista economico; i ragazzi del popolo, […]
28 febbraio 2016 | Riti e tradizioni, Temi culturali
Il Battesimo è, per i credenti, un sacramento di fondamentale importanza, in quanto consente l’ingresso del neonato in una condizione umana e cristiana. Esso, però, nel passato, e fino agli inizi del XX sec., presentava aspetti particolari che gli conferivano un valore apotropaico, soprattutto fra le classi subalterne, la cui vita quotidiana era impastata di […]
13 dicembre 2015 | Temi culturali
Alla fine del XVIII sec., quando Matera era ancora sede della Regia Udienza, l’istruzione veniva impartita nelle scuole primarie parrocchiali, nella Regia Scuola (fondata nel 1770 e soppressa nel 1799) e nel Seminario Diocesano. Nelle scuole primarie s’insegnava a leggere, scrivere, a far di conto e s’impartivano nozioni di catechismo e di morale; erano scarse […]
15 novembre 2015 | Temi culturali
Gli atti notarili conservati a Napoli, nell’Archivio di Stato, fanno risalire all’XI secolo l’origine del demanio a Matera e alla dominazione dei Normanni le prime donazioni di terre ai monasteri. Nei secoli successivi, la città perse la sua demanialità e divenne feudo, ma non fu interrotta la consuetudine, da parte dei feudatari, di donare le […]
5 settembre 2015 | Riti e tradizioni, Temi culturali
La magia ha sempre svolto un ruolo fondamentale nella vita delle classi subalterne che dovevano, quotidianamente, affrontare un’esistenza precaria e connotata in modo negativo da una struttura socio-economica in cui pochi benestanti sfruttavano il resto della popolazione. L’insufficiente disponibilità dei beni elementari della vita, la pressione di forze naturali e sociali incontrollabili, l’incertezza di positive […]
La stanza del Prete1

Cerca

Carrello

Prodotti