^

Intervista al maestro Ricciardi (2/4): lezione di dialetto materano

di | Testimonianze, Video

In occasione della scomparsa del maestro Ricciardi, desideriamo ricordarlo con questa seconda parte della lunga intervista che ci concesse, con tanto entusiasmo, lo scorso anno. I problemi di salute che avvertiva gli facevano sentire l’urgenza di lasciare quasi un “testamento culturale” ai Materani di oggi.

La conversazione con lui spaziò su altri campi della vita sociale del passato. Provvederemo prossimamente a pubblicare le due parti ancora inedite.

Oggi ci premeva condividere il nucleo dei suoi insegnamenti: la necessità di salvaguardare il dialetto come supremo strumento identitario.

Parte 2/4: lezione di dialetto materano

Il maestro Ricciardi spiega alcune peculiarità del dialetto materano e indica ai Materani il percorso per salvaguardare la propria identità attraverso l’uso del dialetto.

Articoli del blog correlati

3 gennaio 2019 | Testimonianze, Video
Nell’ultima parte della lunga intervista che ci concesse nel 2016, il compianto maestro Ricciardi si sofferma sui temi della scuola e della famiglia e condivide con chi lo ascolta ricordi e sagge riflessioni. Parte 4/4: la scuola Il maestro Ricciardi narra alcuni episodi relativi alla esperienza scolastica attraverso i suoi ricordi di alunno prima e […]
10 febbraio 2018 | Testimonianze, Video
Nella lunga intervista che ci concesse nel 2016, il compianto maestro Ricciardi si soffermó, con un’ironia attraversata da una sottile vena umoristica, su alcuni ricordi della sua infanzia. Sono episodi semplici, ma rappresentativi di un mondo che si “regolava” anche attraverso le credenze popolari e le superstizioni. Parte 3/4: ricordi d’infanzia Il maestro Ricciardi narra […]
24 febbraio 2017 | Testimonianze, Video
Il maestro Ricciardi, fonte storica vivente, è noto ai Materani per la passione, la perseveranza e l’umiltà con le quali, da anni, sottolinea la necessità di salvaguardare il patrimonio storico materiale e non che ci connota. Lo fa quotidianamente, anche per strada, soffermandosi con i giovani e con i turisti, sfidando spesso l’insofferenza ingiustificata di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + tre =
˚